“Squadro l’orizzonte, stregato dalla sua immensità volo oltre i confini • Sulla terra dal 1988”

  /    /  ABYSSES

Abysses

“The real freedom of those who run away is in the abysses”
The sea can wrap, swamp, and hide: in the depth of the abysses, human hopes lie in silence. Water, in its purity, absolves and forgives; this is the hope that abysses wants to celebrate, the same hope that pushes human beings to look for relief on the horizon, to placate their desperation. Thousands of Ulysses travel towards their own Ithaca that appears too often insensitive and full of prejudices. Water becomes a vital placenta for those who dream of “elsewhere”, of the better day. We just need to plunge into the depth: unlike men, the abysses don’t judge; they welcome. Hell on the earth, freedom on the waves: “and foundering is sweet in such a sea.”

“La vera libertà di coloro che fuggono è negli abissi”
Il mare avvolge, travolge e nasconde: nella profondità degli abissi giacciono silenziose le speranze degli uomini. L’acqua, nella sua purezza, assolve e perdona: è questa la speranza che Abysses vuole celebrare. La stessa che spinge gli uomini a placare la propria disperazione cercando ristoro oltre l’orizzonte. Migliaia di Ulisse viaggiano verso la propria Itaca che, troppo spesso, si offre arida di solidarietà e piena di pregiudizi. Le acque si fanno placenta vitale per chi sogna l’Altrove, il giorno migliore. Non resta che lasciarsi naufragare nella profondità: l’abisso, a differenza dell’uomo, non giudica ma accoglie. L’inferno in terra, la libertà tra le onde: “e il naufragar m’è dolce in questo mare”.

oil on canvas
30×70 cm
2015